NOMBRIL PROJECT | MUÊË

bozza-manifesto-1-4feet

MUÊË – (2017) live performance

Concept GIORGIO BORMIDA | LUCIA FOLCO

in collaborazione con VANNA VARNERO

______________________________________________________________________________________________

performer ROBERTA CALCAGNO | LUCIA FOLCO

musiche originali GIORGIO BORMIDA

produzione EMSTELUDANZA | NOMBRIL PROJECT

durata 10′ ca.

______________________________________________________________________________________________

Muêë vuole richiamare l’attenzione sull’antico procedimento di lavorazione della ceramica.
Sulle muêë (murate) veniva affinata la terra, dopo essere stata prelevata dalla vasca di decantazione, “balesata” (impastata) a mano con movimenti molto precisi a formare una palla e poi lanciata appunto, sulle muêë, dove lentamente l’acqua in eccesso scivolava via permettendo così’ all’argilla di raggiungere la giusta consistenza per essere modellata.
Il corpo come metafora dell’argilla dunque. Dall’Acqua alla Terra e poi nel Fuoco.
Plasmato e modellato, il corpo prende forma nello spazio delineandosi, fino a farne scaturire l’anima.
Una suggestione visiva profondamente sensoriale accompagnata da un sapiente uso delle luci e da un commento sonoro realizzato appositamente per la performance, dal forte impatto emotivo.

NOMBRIL PROJECT nasce come progetto a latere di emsteludanza.
Pensando a emsteludanza come ad un corpo, NOMBRIL PROJECT ne è una sua parte, concretizzatasi grazie alla collaborazione con l’artista Giorgio Bormida.

Giorgio Bormida
Nasce a Cengio (SV) nel 1969. Dopo aver frequentato il Liceo Artistico Paul Klee di Genova, si laurea all’Accademia di Belle Arti G.B.Cignaroli di Verona. La sua arte si lega alle attività di musicista e scenografo – dal 2004 al 2008 è scenografo realizzatore per il Teatro Carlo Felice di Genova. Nel 2012 pubblica il volume di fotografia “Opera” (Vanilla Edizioni). Vincitore del “Premio Speciale Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea” asseganto in occasione di Arteam Cup 2015, nel 2016 espone la serie “VIXI” (Sabrina Raffaghello Arte Contemporanea , Milano).
www.giorgiobormida.com